Filtreaza dupa categorie:

Sort by year:

Le Fantastiche (dis) avventure del dottor Babbarabba

Carti
George Teseleanu, Pierluigi Camboa, Edizioni Panorama della Sanita, Panorama Sanita, Roma 2010, ISBN 978-88-96844-02-1, 367 pg

coperta-carte-fantastische_resize

Metodologia cercetarii stiintifice

Carti
George Teseleanu, editura Universitas, Petroşani 2007, ISBN 978-973-741-077-1. 150 pg.

scan666

Methodology of scientific research

Carti
George Teseleanu, editura Universitas, Petroşani 2007, ISBN 978-973-741-077-1. 150 pg.

coperta-carte-methodology-of-scientific-research_resize

Modelling and simulation of rocks’ dislocation process,

Carti
George Teseleanu, tratat, editura Universitas, Petroşani, 2006. ISBN 973-8260-81; 112 pg.

tratat George Teşeleanu, editura Universitas, Petroşani, 2006. ISBN 973-8260-81; 112 pg.

Managementul Productiei Industriale

Carti
George Teseleanu, manual universitar, editura Universitas, Petroşani 2005 ISBN 973-8260-70-1; 256 pg.

manual universitar George Teşeleanu, editura Universitas, Petroşani 2005 ISBN 973-8260-70-1; 256 pg.

Managementul Sistemelor Sociale

Carti
George Teseleanu, manual universitar, editura Universitas, Petroşani, 2005 ISBN – 973-8260-80-9; 192 pg.

manual universitar George Teşeleanu, editura Universitas, Petroşani, 2005 ISBN – 973-8260-80-9; 192 pg.

Management of Industrial Production

Carti
George Teseleanu, editura Universitas, Petroşani, 2005 ISBN 973-8260-70-1

Scan1

Modelarea si simularea procesului de dislocare a rocilor

Carti
George Teseleanu, tratat, editura Universitas, 2005 ISBN 973-8260-81-7;118 pg.

 tratat George Teşeleanu, editura Universitas, 2005 ISBN 973-8260-81-7;118 pg.

Contributii la Modelarea Fenomenelor de Interactiune Specifice Masinilor Miniere de Dizlocare

Carti
George Teseleanu, editura Universitas, Petroşani 2005; 96 pg.

George Teşeleanu, editura Universitas, Petroşani 2005; 96 pg.

Etica, Salute, Economia

Carti
George Teseleanu, ( în limba italiană)-Stampa STAGRAME – Casavatore, 2000 ISBN 973-8260-37-X; 219 pg.

Scan2

Economia dezvoltarii

Carti
George Teseleanu, editura Universitas, Petroşani, 2000; 94 pg.

editura Universitas, Petroşani, 2000; 94 pg.

Microeconomie

Carti
George Teseleanu, manual universitar , editura Universitas, Petroşani 2000; 74 pg.

manual universitar , editura Universitas, Petroşani 2000; 74 pg.

Innovation and technology transfer in Romania

Articole
N.Ilias, I.Andras, L.Ispas, I.Cioara, A.Ispas, G.Teseleanu,Revista ICSTI „Innovation processes in ICSTI comunity. 2008

Revista ICSTI „Innovation processes in ICSTI comunity

Utilizarea solului fertil rezultat din decopertarea carierelor de lignit din Oltenia, pentru stoparea procesului de desertificare din zona de sud a Romaniei

Articole
Autori: Ilias, N., Teseleanu, G., Andras, I.,Radu, S.M., Popescu, S.V., Cioara, I., Dumitrache, I.C.

LIVING, COMMUNICATING, TREATING The therapeutic space: history and modern principles of humanizations

Articole
Vannetti G., Teseleanu G., Renzulli L. Società Italiana di Tecnica Ospedaliera – Presidente: Prof. L.Renzulli, Praga 20 – 22 May 2009 I.C.S.T.I.

IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma – Alta specialità di neuroriabilitazione

Articole
Amadio L , Caltagirone C , Salvia A , Alesse E , Teseleanu G , Renzulli L, Roma

Evolution trends of radiation oncology: technologies and principles of applied nuclear physics

Articole
G.Teseleanu, F.Cammarota, G.De Leo , L.Renzulli, Società Italiana di Tecnica Ospedaliera

Fully mechanized complex for coal mining in Valea Jiului Coalfield – Romania

Articole
M.Melczer, C.Jujan, G.Teseleanu, S.Stanila,Sapmana minerului – 2010, Moscova, Rusia

Ultrastructural modifications at the level of marginal periodontium in the case of incorrect dental reconstruction

Articole
A. Pirte , L. Vaida , A. Venter , G.Teseleanu

The principles of scientific research

Articole
G.Teseleanu,Revista Tero, nr.72-73,Bucuresti 2008, ISSN 1221-4183

The role of technoloy transfer in research, development and innovation

Articole
I.Andras, N.Ilias, S.Radu, G.Teseleanu, I.Cioara,Revista Tero, nr.72-73,Bucuresti 2008, ISSN 1221-4183

National system of innovation and technology transfer in Romania

Articole
N.Ilias, I.Andras, S.Radu, I.Cioara, G.Teseleanu, A.Ispas, C.P.Negrila,Teoria si practica conducerii sistemelor sociale, Harkov, Ucraina, 2008

Eficienta utilizarii resurselor naturale in economia de piata

Articole
M.Gaf-Deac, G.Teseleanu, L.Ilias, C.Nicolescu, V.Ungur, Revista Economica, Sibiu-Chisinau, 2008

The role of small and medium-sized enterprises in the process of internationalization

Articole
G. Teseleanu, Revista Economica, Sibiu-Chisinau, 2008

Concept’s strategy of promoting innovative ideas and investment in East and Central European contries

Articole
G.Teseleanu,Revista ICSTI “Information and Innovations” 2008, Moscova, ISSN 1994-2443

The profile of a Health care manager according to the „World Health Organization” standards and guidelines”

Articole
G. Teseleanu, M. Terracciano, G.Lettieri, M.Triassi, T.Ilias,„Information and Innovations”, Moscow, 2007 ISSN 1994-2443

Concept’s strategy of promoting innovative ideas and investment in East and Central European countries

Articole
George Teseleanu, Information and innovations nr.3/2007. ISSN1994-2443

Research, Innovation and Technology Transfer in Mineral Industry

Articole
G. Teseleanu,International Conference of the Carpathian Euro-Region specialists in industrial systems, Ed.Universităţii de Nord Baia Mare ISSN 1224-3264, Baia Mare, 2006

Modeling and simulation of coal winning process using shearer loaders

Articole
S.Dinescu, S.Stanila, E.Stefan, G. Teseleanu,Scientific bulletin of North University of Baia-Mare, 2005. ISSN 1224 – 3264; pp. 147 – 151; 5 pg.

Adapting the shape and parameters of the working parts of bucket wheel excavators to the spcific conditions of Romanian lignite mines

Articole
G.Teseleanu, Ghe. Smarandoiu, P.Toropu, Ghe. Toma,Aluşta – Crimeea, Rezanie i instrument v tehniceskih sistemax 62/2005. ISSN 0370-808X; pp 311 – 318; 8 pg.

The Strategy of the Mining and Energy Sectors in the Context of Sustainable Development

Articole
N.Ilias, I. Andras, D.Surulescu, G.Teseleanu,University of Mining and Geology, Sofia, Bulgaria, part.II 2005; pp 15 – 18; 4 pg.

Model generalizat al interactiunii impactor sonic-roca

Articole
N.Ilias, I.Andras, I.Gruneantu, G.Roman, G.Teseleanu,Universitatea de Nord Baia-Mare, 2001. Buletin ştiinţific, seria CXV. ISSN 1224-3264; pp 445 - 448; 4 pg.

Researches Related to the Interaction Between the Powered Roof Support and the Surrounding Rocks

Articole
N.Ilias, I.Andras, S.Radu, G. Teseleanu,Annals of University of Petroşani. Mechanical Engineering, Vol.1, Petroşani, Romania, 1999. ISSN 1454 – 9166; pp 17-22; 6 pg.

Gornie ecosistemi. Ih otzenka i upravlenie

Articole
G.Teseleanu, V.Ungur, I.Capotescu, E.M.Vlaicu-Popa,Simpozionul International „Saptamana minerului-2009”, Moscova

Procesul de internationalizare a întreprinderilor mici si mijlocii

Articole
George Teseleanu,Conferinţa Centrului Internaţional de Informaţii Ştiinţifice şi Tehnice, Moscova 16 noiembrie 2007

Living, Communicating, Treating - Modern Trends Of Humanization And Innovation Of Therapeutical Spaces

Articole
Vannetti G., Teseleanu G., Renzulli L. Società Italiana di Tecnica Ospedaliera

Metodologia cercetarii stiintifice – sursa neexploatata de dezvoltare a economiei nationale

Articole
George Teseleanu,Revista Tero, nr.70-71,Bucuresti 2008, ISSN 1221-4183

Analiza strategiilor economice

Articole
George Teseleanu,Conferinţa „Integrarea europeană – noi provocări pentru economia României”. Oradea, 26 mai 2006

On the environment affectation risk by natural resources exploitation and its modelling

Articole
I.Gaf-Deac,G.Teseleanu, L.Ilias, M.E.Vlaicu Popa, V.Ungur

About the optimization of the longwall mechanized face

Articole
G.Dolea, S.Radu, G. Teseleanu,MicroCAD, Harkov, 2007

On the exploitation and valorization costs of natural resources

Articole
N.Ilias, I. Andras, G. Teseleanu, I.I.Gaf-Deac, I.Cioara,, Bulgaria, Varna, 2007

Microeconomie

Carti
George Teseleanu, editura Universitas, Petroşani, 2005 ediţia a 2-a revizuită şi reeditată, ISBN 973 – 8260 – 71-8; 74 pg.

manual universitar George Teşeleanu, editura Universitas, Petroşani, 2005 ediţia a 2-a revizuită şi reeditată, ISBN 973 – 8260 – 71-8; 74 pg.

On the environment affectation risk by natural resources exploitation and its modelling

Articole
I.Gaf-Deac,G.Teseleanu, L.Ilias, M.E. Vlaicu-Popa, V.Ungur, Buletinul Tehnologii inalte in constructia de masini, Ucraina, Harkov, 2008

Elements of the „new economy” based on the valorization of natural resources

Articole
G.Teseleanu, I.I. Gaf-Deac,Chisinau, 2007

Povishenie cacestva rabocih poverhnostei zubciatih coles magnitno-abrazivnoi obrabotki

Articole
Dolea G., Radu S.,Teseleanu G., Harkov,Interpartner, 2006

Snabjenie Italii toplivno-energheticeskimi resursami

Articole
Teseleanu G,Harkov – Interpartner, 2006

Economic and social effects of mining industry restructuring in the Jiu Valley

Articole
G.Teseleanu,Harkov, 2006; 4 pg.

Nadiojnoe obespecenie Italii energonositeliami vâsocovo caciestva i po dostupnâm tenam

Articole
G. Teseleanu,MicroCad, Harkov, 2006; 4 pg

About the optimisation of the longwall mechanized face

Articole
G.Dolea, S.M.Radu, G.Teselanu,MicroCAD – Harkov, 2006; 4 pg.

Economic assesment of using divert types of energetic resources in Italy

Articole
G.Teseleanu,„Nedelia Gorniaca” – Moscova, 2006; 6 pg.

Fare affari in Romania, opportunita commerciali e investimenti

Articole
G.Teseleanu,Confindustria di macerata, Italia, 2005;

Il costo del paziente anziana nelle aziende ospedaliere

Articole
Mutuo Luigi, Lorenzo Renzulli, G.Teseleanu,Universitaria Simpro 2005, Petroşani, Romania ISBN 973-8260-91-4; pp 28-34; 7 pg.

Modelling and simulation of coal winning process

Articole
G.Teseleanu, N.Ilias, I.Andras, S.Radu, A.Andras,5 Internaţional Scientific Conference -Modern management of Mine Producing, Geology and Environmental Protection. SGEM 13-17 june 2005, Bulgaria, Albena; pp 105-110; 6 pg.

Impactul poluarii mediului asupra starii de sanatate a populatiei din judetul Hunedoara

Articole
G.Barabas,G.Teseleanu, A.Fleser, A.Draghici, I.T.Ilias,A.Fleser, A.Draghici, I.T.Ilias. Simpozionul stiinţific internaţional „Universitaria ROPET 2003”, Petroşani, 2003, ISBN 973-8260-37X; pp. 163-167; 5 pg.

Influenta industriei grele asupra mediului inconjurator

Articole
M.Rudeanu, N.ilias, G.Teseleanu, Interpartner, Alusta, Crimeea,2003; pp 298 – 300; 3 pg.

Economia per quale futuro?

Articole
G.Teseleanu, Simpozionul stiintific internaţional „Universitaria ROPET 2003”, Petroşani, 2003; pp 17 – 19; 3 pg.

Tehnologii neconventionale pentru dislocarea rocilor

Articole
N.Ilias, S.Radu, G.Teselanu,InterPartner, Alusta, Crimeea, 2003; pp 16 – 18; 3 pg.

Tehnologii de dislocare cu jeturi de inalta presiune

Articole
N.Ilias, S.Radu, G.Teseleanu, S.Stanila,MicroCAD, Harkov, 2002; pp 106 – 108; 3 pg.

Systemic Approaching of the Mechanized Face

Articole
N.Ilias, G.Dolea, S.Radu, G.Teseleanu,MicroCAD 2001, Internaţional Scientific Conference, March 2001, University of Miskolc-Ungaria pp 39 – 46; 8 pg.

Concorrenza nella sanita

Articole
G.Teseleanu, J.Csontos,Simpozionul Stiintific Internaţional „Universitaria ROPET 2000”, Petroşani, 2000 ISBN 973-8035-64-3; pp. 87 – 90; 4 pg.

The interaction between Rock and Water Jet during the Rock Cutting Process

Articole
S.Radu, N.Ilias, I.Andras,G.Teseleanu, M.Vitionescu, Simpozionul Internaţional Ştiinţific Internaţional „Universitaria ROPET 2000”, Petroşani, 2000, ISBN 973-8035-64-3; pp 17 – 18; 2 pg.

Modelling the Interaction of Cutting Tools with Rocks in the Mechanical Rocks – Cutting Process

Articole
N.Ilias, I.Andras, S.Radu, G.Teseleanu, Simpozionul Ştiinţific Internaţional „Universitaria ROPET 2000”. ISBN 973-8035-64-3; pp 19 – 20; 2 pg.

Aspecte economico-sociale ale restructurarii zonei monoindustriale Valea Jiului

Articole
N.Ilias, F.Buse, P.Hodor,G.Teseleanu, Local development in Central and Eastern Europe- Universita di Ancona, Ancona, Italia, 2000; 5 pg.

The health services in transition countries. The case of Romania

Articole
G.Teseleanu, J.Csontos,J.Csontos. Local development in Central and Eastern Europe – Universita di Ancona, Ancona, Italia, June 2000; 4 pg.

Geologia medicala – o provocare a societatii moderne

Articole
G.Buia, M.Radulescu, G.Teseleanu,Simpozionul Ştiinţific Internaţional „Zilele mineritului în Rusia”, Moscova – Federaţia Rusă, ianuarie 2000; 7 pg.

Elementi importanti per una strategia di sviluppo a lungo termine

Articole
G.Teseleanu,Simpozionul ştiinţific internaţional „ Universitaria ROPET 2000”, petrosani, 2000, ISBN 973-8035-64-3; pp 83 – 86; 4 pg.

Optimizarea parametrilor abatajelor mecanizate cu front lung in conditiile impunerii productiei zilnice

Articole
N.Ilias, I.Andras, S.Costinas, G.Teseleanu,Simpozionul Ştiinţific Naţionak, Universitatea de Nord din Baia mare, decembrie 1999: pp133-140, pg8

Stadiul actual al cercetarilor privind durabilitatea cutitelor de combina

Articole
G.Teseleanu, S.Stanila,S.Stanila. Simpozionul Ştiinţific Internaţional „Universitaria ROPEZ 1999”, Petroşani octombrie 1999. ISBN 973-80-35-02-3; pp 79 – 82; 4 pg.

Tehnologii inteligente ale cărbunelui & Orașele inteligente energetic

Articole
prof. univ. dr. ing. ILIAȘ Nicolae, Drd. ing. OFFENBERG Iulian, Dr. Ing. SERAFINCEANU Aurelian Calistru, Dr. ing. TEȘELEANU George, dr. ing. ec. ROȘIORU Inga, Tg. Mureș 6-7 octombrie 2016

Eficienta economica a investitiilor miniere in tarile cu economia in tranzitie

Articole
N.Ilias, I.Andras, G.Teseleanu,Simpozionul Ştiinţific naţional, Universitatea de Nord Baia-Mare, dec. 1999. pp 147-151, pg5.

La situazione finanziaria e la transizione verso un economia di mercato

Articole
G.Teseleanu,Pontificia Universita Gregoriana, Roma 1995, Italia; 19 pg.

IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma – Alta specialità di neuroriabilitazione Parte 2° - Ricerca e didattica

Articole
L. Amadio, C. Caltagirone, A. Salvia, E. Alesse Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma G. Teseleanu e L. Renzulli Società Italiana di Tecnica Ospedaliera
  1. LA RICERCA SCIENTIFICA DI BASE ED APPLICATA

Quale Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, la Fondazione Santa Lucia svolge un’intensa attività di ricerca nel settore della riabilitazione neuromotoria e più in generale in quello delle neuroscienze.

Le sperimentazioni sono fortemente integrate con le attività di assistenza, ed è per questo che durante la permanenza in Fondazione, l’Utente può essere contattato per partecipare ad un progetto scientifico, previo consenso informato.

I programmi di ricerca realizzano un’attività fondamentale nel campo dell’assistenza perché consentono di scoprire nuove cure e trattamenti riabilitativi nell’interesse dell’Utente e più in generale della collettività.

All’interno della Fondazione, è operante un Comitato Etico.

Il Comitato si riunisce periodicamente, applica i criteri di valutazione internazionalmente riconosciuti (sanciti nella “Dichiarazione di Helsinki” – ed. 1996 – e ribaditi durante la “Convenzione per la Tutela dei Diritti dell’Uomo e della Dignità dell’Essere Umano nei confronti dell’applicazione della Biologia in Medicina”, tenutasi a Strasburgo nel 1996), ed è garante della tutela dell’Utente nel corso della sperimentazione.

Prima di essere inserito in un “protocollo di ricerca” l’Utente viene adeguatamente informato sul progetto e sui relativi esami da svolgere attraverso la debita compilazione e sottoscrizione dell’apposito modulo di “consenso informato”.

 

Ambiti della Ricerca

Negli ultimi anni, la ricerca ha compiuto prodigiosi passi avanti nel campo delle neuroimmagini, della neuropsicologia, della neuropatologia, della neurochimica e della neurobiologia molecolare determinando una profonda trasformazione delle scienze neurologiche.

Nell’ambito di questo processo, la Fondazione ha avvertito la necessità di attuare un programma di investimenti finalizzato alla realizzazione e mantenimento di un centro di ricerca all’avanguardia all’interno del quale sono presenti i laboratori di analisi (per la ricerca clinica e di base) attrezzati con le più moderne e sofisticate apparecchiature.

E’ anche grazie a questa qualificante realtà se i ricercatori e i tecnici della Fondazione hanno sviluppato una particolare conoscenza ed abilità nel settore delle neuroscienze.

L’adesione di numerosi studiosi, sia italiani che stranieri, ha consentito di creare all’interno dell’Ospedale dei laboratori di ricerca dove vengono condotte importanti ricerche sulle neuro-lesioni e le loro conseguenze motorie e cognitive. I risultati di tali ricerche sono costante oggetto di pubblicazioni su riviste italiane ed internazionali.

Negli anni gli interessi scientifici dell’Istituto si sono consolidati, estendendosi all’intera l’area delle Neuroscienze, nell’ottica di sviluppare la prevenzione e la riabilitazione delle malattie altamente invalidanti che colpiscono il sistema nervoso anche attraverso il perfezionamento delle conoscenze di base. La Fondazione si è dotata di tutta una serie di laboratori disciplinarmente diversificati e finalizzati allo studio epidemiologico, diagnostico-strumentale, genetico, biologico molecolare delle patologie alla base di condizioni di disabilità neurologica.

Sette diverse linee di ricerca trattano diffusamente le più importanti problematiche di settore attraverso l’articolazione in vari laboratori (Box n° 1).

Rivestono particolare rilievo gli esperimenti di neurofisiologia della locomozione e delle sue interazioni con la postura; tali studi si avvalgono anche di informazioni ottenute durante due missioni spaziali sulla navetta Shuttle in situazioni di assenza di gravità (Box n° 2).

La Fondazione negli ultimi anni ha inoltre rinnovato le proprie attrezzature e tecnologie avanzate; il Box n° 3 riporta l’elenco delle 20 maggiori attrezzature, tecnologie avanzate ed apparecchiature sanitarie qualificanti per l’assistenza e per la ricerca coerenti con il riconoscimento.

 

Recentissimi sviluppi della ricerca scientifica applicata,  sviluppata dalla Fondazione Santa Lucia, riguardano le “Applicazioni Cliniche delle Interfacce Cervello Computer”.

Nel caso dei trattamenti riabilitativi l’obiettivo principale è la riduzione della disabilità, dovuta ad una qualsiasi condizione patologica, ovvero il raggiungimento della massima autonomia possibile.

Recentemente, l’ideazione e la sperimentazione di dispostivi elettronici in grado di migliorare le capacità di comunicazione e di gestione dell’ambiente domestico hanno aperto nuove speranze a pazienti affetti da gravi disturbi del movimento (Assistive Technology).

Patologie del sistema nervoso sia di tipo degenerativo (ad esempio Sclerosi Laterale Amiotrofica, Amiotrofie Spinali), vascolare (ictus cerebrale e del midollo allungato), che postraumatiche (traumi cranici e del midollo spinale) possono portare alla perdita del controllo muscolare in vari segmenti corporei inducendo una condizione di disabilità permanente di grado variabile, fino all’impossibilità per il soggetto di contrarre un singolo muscolo pur rimanendo perfettamente senziente, cosciente e cognitivamente intatto (ad esempio la sindrome locked-in).

In generale, la dignità dei soggetti portatori di una condizione di diversa abilità è fortemente violata dalla difficoltà fino all’impossibilità di comunicare ed interagire con il mondo esterno se non per via del “caregiver”, precludendo a queste persone una vitale e gratificante interazione sociale.

Il progresso nella ricerca e la estensiva validazione clinica di dispositivi tecnologici di ausilio può essere considerato un dovere morale delle società sviluppate, per la protezione e l’inclusione sociale delle categorie più deboli.

Su queste basi, il Laboratorio di Imaging Neuroelettrico (NEILab) della Fondazione Santa Lucia ha ormai da anni, iniziato un percorso di ricerca in ambito di “Brain Computer Interfacing” non invasivo (BCI, interfacce cervello-computer). Il BCI rappresenta una promettente opportunità per soggetti, che a causa di patologie neurodegenerative o traumatiche possono perdere del tutto il controllo volontario dei loro muscoli e con esso la capacità di comunicare con l’esterno, di generare una nuova via di comunicazione direttamente dal cervello ad un dispositivo di uscita (ausilio), senza più dipendenza dai nervi periferici e dai muscoli. In parallelo, l’impegno del settore di ricerca in oggetto è volto ad incrementare una linea di sviluppo di piattaforme di accesso ad ausili tecnologici già esistenti, che siano modulabili in relazione alle necessità dei pazienti-utenti con disabilità motorie di grado variabile (Assistive Technology) fino all’eventuale utilizzo di sistemi BCI.

Riempire il “gap” esistente ancora oggi tra questi temi svolti a livello di ricerca e le necessità cliniche rappresenta il primo passo richiesto nel processo di translazione delle tecnologie avanzate dall’ambito prototipale di laboratorio all’ambiente clinico. All’interno del NEILab, le competenze di tipo medico-riabilitativo e bioingegneristico-informatico si confrontano per sviluppare un approccio multidisciplinare alla neuroriabilitazione, al cui centro ci sia l’utente diversamente abile in grado di relazionarsi con l’ambiente in maniera meno dipendente da personale clinico e familiare nelle diverse fasi della vita.

Ad oggi il settore di ricerca vanta la produzione di articoli scientifici su riviste indicizzate, la partecipazione a diversi progetti di ricerca finanziati da enti nazionali (Telethon-Uildm; Ministero della Salute) e internazionali (VI e VII FP della Comunità Europea, NIH-USA) e lo sviluppo e implementazione di dispositivi di ausilio prototipali.

Vengono elencati di eseguito i progetti correntemente attivi:

 

 

TOBI: TOols for Brain-computer Interaction; ICT-2007-224631; Novembre 2008-Gennaio 2013; http://www.tobi-project.org.

TOBI è un progetto europeo di ricerca in cui si sta sviluppando una tecnologia per l’interazione cervello-computer (BCI Brain Computer Interface) con alto livello di usabilità, destinata a migliorare la qualità di vita di persone disabili e l’efficacia della neuroriabilitazione. Attualmente 4 prototipi di BCI non invasive sono disponibili presso la Fondazione Santa Lucia, e sono inseriti nella fase di ricerca clinica translazionale.

Coordinatore: Prof. Prof. José del R. Millán, Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne, Losanna, Svizzera.

Consorzio: Technische Universitaet Berlin, Berlino Germania; Technische Universiteat Graz, Graz, Austria; Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; Eberhard-Karls Universitaet Tuebingen, Tubinga, Germania; University of Glasgow, Glasgow, Scozia; Qualilife S.A, Lugano, Svizzera; Stiftung Orthopaedische Universitaetsklinik Heidelberg, Heidelberg, Germania; Schweizerische Unfallversicherungsanstalt, Kreuznacher Diakonie, BUK, Germania; Associazione Italiana per l’Assistenza agli Spastici della Provincia di Bologna, Bologna, Italia; University of Wuerzburg, Wuerzburg, Germania; Medel GmbH, Germania.

 

DECODER: Deployment of Brain-Computer Interfaces for the Detection of Consciousness in Non-Responsive Patients; ICT- 2007-247919; Febbraio 2010-Aprile 2013; http://www.decoderproject.eu/.

DECODER è un progetto di ricerca europeo in cui si sta sviluppando un prototipo basato sulla tecnologia delle interfacce cervello-computer (BCI) per valutare le abilità cognitive e di coscienza residue in pazienti affetti da disordini dello stato di coscienza. Lo scopo ultimo è quello di fornire uno strumento di supporto diagnostico e dove possibile uno strumento di comunicazione. Un prototipo di BCI non invasivo è disponibile presso la Fondazione Santa Lucia, ed inserito nella fase di ricerca clinica translazionale.

Coordinatore: Prof.ssa Andrea Kübler University of Würzburg, Germania.

Consorzio: Fondazione Santa Lucia, Italia; Technische Universität Graz, Austria; Medical Research Council, Inghilterra; Universiteit Maastricht, Olanda; Université de Liège, Belgio; Eberhard Karls Universität Tubinga, Germania; Association du Locked-In Syndrom (ALIS), Francia; Guger Technologies OG, Austria.

 

BETTER: Brain-Neural Computer Interaction for Evaluation and Testing of Physical Therapies in Stroke Rehabilitation of Gait Disorders. ICT-2009-247935; Febbraio 2010-Gennaio 2013; http://www.iai.csic.es/better/.

Lo scopo principale di Better è il miglioramento delle terapie riabilitative dei disordini del cammino nei pazienti con ictus, basandosi su tecnologie assistive che consentano un’interazione tra sistema nervoso e computer. Il progetto mira a migliorare la riabilitazione dell’ictus mediante esoscheletri indossabili e apparecchiature robotiche per la riabilitazione del cammino basandosi su un approccio top-down.

Ovvero, il robot esercita una stimolazione fisica, in periferia, secondo l’attivazione di uno specifico schema di attività neurale. Questo intervento dovrebbe permettere una riorganizzazione della corteccia cerebrale. Tale approccio top-down dovrebbe incoraggiare la plasticità delle strutture danneggiate del cervello al fine di migliorare la funzione locomotoria.

Coordinatore: José L. Pons; Consejo Superior de Investigaciones Científicas, Madrid, Spagna.

Consorzio: Instituto de Biomecánica de Valencia, Valencia, Spagna; Universitaetsmedizin Goettingen, Georg-August-Universitaet Goettingen, Goettingen, Germania; Graz University of Technology, Graz, Austria; Guger Technologies OEG, Austria; Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; Össur hf, Reykjiavik, Islanda; Eberhard-Karls-Universitat Tübingen, Germania; Technaid S.L., Madrid, Spagna; University of Maribor, Maribor, Slovenia.

 

CONTRAST: An individually adaptable, BNCI-based, remote controlled Cognitive Enhancement Training for successful rehabilitation after stroke in-cluding home support and monitoring. ICT-2011-287320; Novembre 2011-Ottobre 2014; http://www.contrast-project.eu/.

In progetto CONTRAST si propone di sviluppare e validare un sistema di brain computer interface, autoadattativo, di alta usabilità, a supporto della riabilitazione cognitiva in pazienti affetti da ictus sia nella fase di ospedalizzazione che in un secondo momento a casa. Il sistema di BCI permetterà di supportare un training cognitivo sfruttando i meccanismi di neuromodulazione del segnale EEG; diversi moduli di training cognitivo verranno sviluppati al fine di potenziare il recupero di funzioni cognitive quali quelle attentive, di memoria ed esecutive. Il sistema BCI di training sarà inserito in una tecnologia più ampia che prevede il monitoring di funzioni vitali del paziente e di aderenza al trattamento sia in ambiente ospedaliero che domiciliare.

Coordinatore: Prof.ssa Andrea Kübler University of Würzburg, Germania.

Consorzio: Julius-Maximilians-Universität Würzburg (UNI WUE), Germany; Universität Graz (UNI GRAZ), Austria; Université du Luxembourg (UL), Luxembourg; Fondazione Santa Lucia IRCCS (FSL), Italy; T-Systems ITC Iberia (T-SYSTEMS), Spain; Mind Media BV (MMBV), Netherlands; Hasomed GmbH (HASOMED), Germany.

 

ABC: Augmented BNCI Communication; ICT-2011-287774; Novembre 2011-Ottobre 2014; http://www.abcproject.eu/index.php

ABC si propone di potenziare le capacità motorie e di interazione di persone (adulti e bambini) affetti dagli esiti di paralisi cerebrale infantile discinetica. Il cuore dello sviluppo tecnologico si basa su sistemi di brain computer interface che permetteranno all’utente di comunicare, di interagire in maniera semplice con l’ambiente, facilitando l’apprendimento (nei bambini), la partecipazione sociale e in generale promuovendo l’autonomia delle persone. La tecnologia ABC sarà composta da quattro moduli basati su i più moderni metodi di processamento del segnale biologico, di interfacce per la comunicazione aumentativa e dell’affective computing.

Coordinatore: Juan Manuel Belda Lois; Instituto de Biomecanica de Valencia (IBV) Valencia, Spagna.

Consorzio: Instituto de Biomecanica de Valencia (IBV) Valencia, Spagna; Fraunhofer-Gesellschaft zur Foerderung der Angewandten Forschung, Fraunhofer, Germania; Agencia Estatal Consejo Superior de Investigaciones Cientificas, Spagna; Technische Universitaet Graz, Graz Austria; Eerhard Karls Universitaet Tuebingen, Tubinga, Germania; Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; Hugo Filipe Silveira Gamboa Plux, Portogallo; TechnAid sl, TechnAid, Spagna; Asociacion Valenciana de Ayuda a la Paralisis Cerebral, AVAPACE, Spagna.

 

BRINDISYS: Brain-computer interface devices to support individual autonomy in Locked-in individuals; ARISLA grant; Ottobre 2010- Giugno 2013; http://www.brindisys.it/.

Brindisys si inserisce nell’ambito della tecnologia assistenziale e ha l’obiettivo di sviluppare un dispositivo interfaccia cervello-computer, che permetta una maggiore autonomia dei pazienti affetti da gravi problemi motori sequela della Sclerosi Laterale Amiotrofica. Scopo di Brindisys è lo sviluppo e validazione di un sistema di ausilio volto a preservare la comunicazione di una persona che perda progressivamente le sue capacità motorie, per mezzo di un’interfaccia utente che impieghi efficacemente le funzioni residue. Nell’interfaccia utente verrà integrata un’interfaccia cervello-computer che, anche in assenza delle contrazione muscolare, potrà permettere all’utente di adoperare il sistema.

Coordinatore: Dr. Febo Cincotti, Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma.

Consorzio: Università degli Studi di Roma “Sapienza”, Dipartimento di Ingegneria informatica,automatica e gestionale, Roma; Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, Catanzaro; Università degli Studi di Roma “Sapienza”, Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, Roma; Associazione Crossing Dialogues, Roma.

BOX n. 1: Linee di ricerca della Fondazione Santa Lucia.

 

  • NEUROLOGIA CLINICA E COMPORTAMENTALE

Valutazione clinica, prognostica e riabilitativa delle Malattie del Sistema Nervoso Centrale.

  • FISIOLOGIA NEUROMOTORIA

Neurofisiologia della locomozione e sulle sue interazioni con la postura. Tali studi si avvalgono anche di informazioni ottenute durante missioni spaziali in situazioni di assenza di gravità.

  • NEUROSCIENZE SPERIMENTALI

Meccanismi d’azione di farmaci neuroprotettivi del Sistema Nervoso Centrale e Periferico. Patologie corticali e sottocorticali (in particolare dello striato) di origine cerebrovascolare. Studi di modelli animali di Sclerosi Laterale Amiotrofica, di malattie autoimmuni (Sclerosi Multipla) e di fattori di protezione dall’apoptosi.

  • NEUROPSICOLOGIA

Neuropsicologia e riabilitazione dei disturbi del linguaggio e delle abilità visuospaziali nei pazienti cerebrolesi ed in portatori di dislessia evolutiva.

  • NEUROFISIOPATOLOGIA

Neurofisiologia con varie tecniche (EEG, potenziali evocati, stimolazione magnetica transcranica) in pazienti con stroke, Parkinson e manifestazioni epilettiche.

  • NEUROIMMAGINI FUNZIONALI

Neuroimmagini funzionali del sistema sensorimotorio e di attività cognitive in soggetti normali e cerebrolesi.

  • RICERCA TRASLAZIONALE

Stesura e validazione di protocolli tesi al miglioramento della gestione clinica del paziente attraverso l’ottimizzazione degli iter diagnostico-terapeutici e riabilitativi.

BOX n. 2: Esperimenti condotti in collaborazione tra NASA e Fondazione Santa Lucia sulla navetta Shuttle.

 

 

BOX n. 3: Elenco delle 20 maggiori attrezzature, tecnologie ed apparecchiature sanitarie

 

 Attrezzature di particolare rilievo in ambito assistenziale e di ricerca 
TIPOLOGIA CAMPI DI APPLICAZIONE
Risonanza Magnetica diagnostica per immagini, ricerche di neuroimagini funzionali in ambito neuroscientifico.
Risonanza Magnetica
Risonanza Magnetica
Risonanza Magnetica
Tomografo Computerizzato
Computer radiography
X-ray digitale telecomandata
TAC 64 canali
X-ray portatile
Riabilitatore attivo e passivo Studi di neuroriabilitazione in condizioni di sgravio corporeo.
Citofluorimetro Studio delle caratteristiche fenotipiche e funzionali delle cellule ed isolamento delle popolazioni cellulari purificate mediante sorting” ad alta velocità.
Microscopio Scansione Laser Dissezionare singole cellule o singoli pezzi di tessuto per successive analisi molecolari.
Ultracentrifuga Separazione di cellule o componenti sub cellulari.
Sistema computerizzato Studio diagnostico del cammino e fisiologia del movimento.
Sequenziatore Studio delle sequenze aminoacidiche con particolare riferimento a studi di neurogenetica.
Spettrometro di massa Studi di proteomica.
Scintillatore Misurazione di radioattività di campioni biologici post-marcatura.
Motion Capture System Sistema telemetrico per lo studio della fisiologia del movimento.
Ecografo Diagnostica.
Spirometro Diagnostica presso DH respiratorio.
Campimetria computerizzata Valutazione del campo visivo mediante apparecchiatura computerizzata.
Elettroencefalografo Diagnostica di settore.
Elettromiografo
Stimolatore magnetico metodica funzionali non invasiva per lo studio delle caratteristiche dei sistemi motori attraverso erogazione di stimoli magnetici sullo scalpo e registrazione delle risposte vocate (MEPs).
  1. CONSIDERAZIONI E CONCLUSIONI

 

La Fondazione Santa Lucia è un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto privato che ha iniziato, con diversa denominazione, la propria attività clinica nel 1960, con la mission di assistere pazienti neuromotulesi, orientando nel tempo l’intervento sanitario anche verso pazienti affetti da lesioni del sistema nervoso, dell’apparato mio-osteo-articolare, a varia eziologia e con esiti invalidanti.

La sua presenza assistenziale nel sistema ospedaliero nazionale è stata portata all’attenzione e considerazione degli specialisti e del mondo della sanità in genere secondo la classica trilogia di presentazione di strutture, mezzi ed organizzazione con i lavori “Il centro di riabilitazione e rieducazione motoria S. Lucia di Roma, C&A Partners 1/1990” e “Sport e ludoterapia al Centro S. Lucia di Roma, C&A Partners 1/1990” a cura di Amadio L, Isabella C, Renzulli L, Tomacelli S.

Il complesso di attività cliniche, di ricerca e di didattica ha portato, nell’agosto 1992, al riconoscimento, da parte del Ministero della Sanità di concerto con il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, della Fondazione Santa Lucia quale Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la neuroriabilitazione, in conformità ed applicazione degli ordinamenti nazionali e regionali in materia.

Richiamando l’editoriale “A chi sta a cuore l’eccellenza – Panorama della Sanità 11/2011”, l’identikit della Fondazione Santa Lucia IRCCS si caratterizza nelle sue tre sostanziali linee di produzione:

1) attività assistenziale

La dinamica assistenziale degli ultimi 5 anni è illustrata nella Tabella 1.

Va considerato ora che la piramide elle età sta subendo una significativa variazione nella sua composizione (Aprile R, Palombi M Invecchiamento demografico. Giornate di studio sulla popolazione, Firenze 1999), con indici di geriatrizzazione crescenti nel nostro Paese (come in altri di civiltà occidentali), sicchè l’aspettativa di vita media nelle proiezioni al 2050 si evidenzia in crescita, maggiore per le donne rispetto agli uomini.

Ne deriva di conseguenza un’aspettativa di patologie proporzionata nel tempo al variare della composizione delle classi di età, con presenza di patologie severe e pluripatologie, specie nella coorte dei grandi vecchi.

Questa tendenza richiede una rimodulazione degli indicatori di programma per specialità, tra cui la neuroriabilitazione, con modelli ed assetti di organizzazione sanitaria corrispondenti alla composizione dei sistemi di assistenza differenziata.

La rivoluzione delle scienze medico-biologiche e delle tecnologie consentiranno ancora sopravvivenza di neonati affetti da patologie rare o da traumi severi da parto ed anche di Pazienti di diverse fasce di età colpiti da esiti di patologie degenerative e traumatiche, con aspettative di stima attesa di incremento della domanda sanitaria neuroriabilitativa ad alta complessità.

 

2) attività di ricerca

La Fondazione Santa Lucia sviluppa programmi di ricerca non solo in ambiti scientifici nazionali ma interagisce a livello internazionale con istituzioni omologhe, in rete di collaborazione per attività di ricerca di base ed applicata.

In questo contesti si sono conseguiti riconoscimenti sul piano nazionale ed internazionale che hanno prodotto livelli significativi di impact factor (Tabella 2).

 

 

3) attività di didattica

Da oltre 25 anni è stata sviluppata una importante attività didattica; attraverso specifiche convenzioni la Fondazione Santa Lucia ospita annualmente presso le proprie unità operative e servizi, studenti delle seguenti Università,

  • Università degli Studi di Roma Tor Vergata:
  • 400 studenti dei corsi di laurea triennale per professioni sanitarie di infermiere, terapista della riabilitazione, logopedista,tecnico di neurofisiopatologia.
  • Scuola di specializzazione in Neurofisiopatologia.
  • Scuola di specializzazione in Urologia.
  • Scuola di specializzazione in Neurologia.
  • Università degli Studi di Roma La Sapienza:
  • Scuola di Specializzazione di Neuropsicologia.
  • Scuola di specializzazione in Medicina dello Sport.
  • Scuola di specializzazione in Neurologia.
  • Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma
  • Scuola di specializzazione in Geriatria.
  • Scuola di specializzazione in Neurologia.
  • Istituto Universitario in Scienze Motorie di Roma:
  • Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate.
  • Università dell’Aquila:
  • Corso di laurea in Scienze dell’Educazione.
  • Università di Catanzaro:
  • Scuola di specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione.
  • Università di Messina:
  • Scuola di specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione.

 

4) personale

Su un totale di 310 posti letto di degenza ordinaria e 32 posti letto di day hospital opera una dotazione di personale dedicata all’assistenza diretta pari complessivamente a 659 unità, con un rapporto personale/Pazienti pari a 1,93 (Tabella 3).

 

Professionalità specializzate coordinate in linee di assistenza ad alta integrazione funzionale, strutture edilizie, tecnologie, organizzazione dinamica supportano e caratterizzano la mission della Fondazione Santa Lucia IRCCS che si proietta nel dominio delle neuroscienze secondo orientamenti scientifici e sanitari, come espressi in via generale e specifica nel quadro dei principi della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità e dei fondamenti dell’OMS.

In materia in particolare va ricordato che a partire dalla strategia OMS della “Salute per tutti per l’anno 2000”, nella evoluzione di periodo manifestata con il programma “Health 21”, la qualità dell’assistenza sanitaria, (definizione OMS) conosce nella qualità delle attività correlate alla tipologia e appropriatezza delle cure di neuroriabilitazione, condizioni per il paziente di vita sanitaria e sociale positive e mentalmente sollecitate verso l’autosufficienza secondo le potenzialità di recupero praticabili.

La tutela del paziente ed il suo recupero funzionale tendono a raggiungere presso la Fondazione Santa Lucia IRCCS il più alto livello consentito di benessere fisico, psichico e sociale (secondo la classica definizione OMS di salute) e si spingono anche verso l’obiettivo di consolidare e mantenere il proprio potenziale individuale, che si manifesti secondo attitudini, capacità personali, sociali e, nelle forme possibili, anche fisiche (ludoterapia), considerando la salute come risorsa per la vita quotidiana e non come scopo astratto di vita.

La Conferenza Mondiale di Vienna sugli anziani ha adottato come emblema ufficiale “l’albero dei baniani – ficus bengalensis” quale simbolo della longevità, dell’indipendenza, della continua crescita e luogo di riunione comunitaria.

Dai suoi rami scendono radici aeree che, penetrate nel terreno, danno vita a tronchi supplementari: in un continuo divenire l’albero si allarga sempre più sul terreno in un grande solidale abbraccio.

In questa visione ed in questi orizzonti di prospettiva, le persone con disabilità nella attuale percezione di persone che hanno diritti devono quindi ricevere attenzioni e strategie sanitarie e sociali che eliminino ogni forma di barriera ed esclusione secondo una partecipazione umana e culturale che appartiene alla nostra civiltà, in consonanza con gli indirizzi formulati, condivisi, stabiliti per la Regione Europea OMS con la Carta di Tallinn 2008.

 

International Seminar “Scientific and Technological Innovation: National Experience and International Cooperation”

Articole
Prof. Eng. Giorgio Teseleanu PhD, President of Concept–Italy, University of Macerata-Italy

La libera circolazione dei malati negli stati UE e l’offerta di alta specializzazione del gruppo IRCCS San Donato e San Raffaele di Milano

Articole
Coautori – Gruppo IRCCS, SITOSP Teseleanu G., Renzulli L., De Leo G., Cammarota F.

CARBUNELE - O ABORDARE ECOLOGICA

Articole
prof. univ. dr. ing. ILIAȘ Nicolae, drd. ing. OFFENBERG Iulian, Dr. Ing. SERAFINCEANU Aurelian Calistru, Dr. ing. TEȘELEANU George, dr. ing. ec. ROȘIORU Inga

O analiză retrospectivă a evoluţiei inovării tehnice în industria resurselor minerale

Articole
Nicolae Ilias, Iosif Andras, Sorin Mihai Radu, Iosif Gruneantu, George Teseleanu, Universitatea din Petroşani PANTHEONGROUP

Articole

Vizualizare: Powerpoint

STUDIU SOCIOLOGIC ASUPRA IMIGRANŢILOR ROMÂNI DIN ITALIA

Articole
Prof.ing. George Teseleanu PhD, profesor consultant Catedra UNESCO de Geodinamica, membru corespondent al Academiei de Stiinte Tehnice a Romaniei, membru al Academiei de Stiinte Naturale a Federatiei Ruse, membru al Academiei Tehnice a Ukrainei

I BAMBINI ROMENI IN ITALIA TRA ESCLUSIONE ED INTEGRAZIONE

Articole
Prof. Ing. George TESELEANU

Utilizarea solului fertil rezultat din decoperta carierelor de lignit din Oltenia pentru stoparea procesului de desertificare din zona de sud a Romaniei

Articole
Ilias, N., Teseleanu, G., Andras, I.,Radu, S.M., Popescu, S.V., Cioara, I., Dumitrache, I.C.

Modeling and Simulation of Coal Winning Process

Articole
Giorgio Teseleanu, Sorin Mihai Radu, Andrei Andras
Polish Journal of Management Studies, Volume 10, 2014, Pages 195 - 202

ROMANIAN MINORS IN ITALY BETWEEN EXCLUSION AND INTEGRATION

Articole
Prof. Ing. George Teseleanu

ICSTI - Collaboration for the Development of the 7th Framework Programme 2007-2013 of the European Commission

Articole
Prof. Eng. George Teseleanu Ph. D., Lawyer Emanuele Occhipinti

O solutie de stocare a dioxidului de carbon si de valorificare a gazului metan din zacamantul carbonifer Valea Jiului

Articole
Dorel Zugravescu* - membru corespondent al Academiei Romane, membru titular al Academiei de Stiinte Tehnice din Romania Nicolae Ilias** - membru titular al Academiei de Stiinte Tehnice din Romania, Iosif Andras**, Sorin Mihai Radu**, Iosif Gruneantu**, George Teseleanu***, Inga Rosioru**, Chiril George****, Tiberiu Iocob-Ridzi**, Cristian Tomescu**** * Institutul de Geodinamica “Sabba S. Stefanescu”, ** Universitatea din Petrosani, *** Universitatea LUMSA din Italia, **** Complexul Energetic Hunedoara, ***** INSEMEX Petrosani

DZ.Conf.ASTR Sibiu,nov.14. O solutie...

 

The free movement of patients in EU and the offer of high specialization at IRCCS San Donato and San Raffaele group in Milan

Articole
1Società Italiana di Tecnica Ospedaliera-SITOSP G.Teseleanu, L., Renzulli, De Leo G., F. Cammarota, 2IRCCS Policlinico San Donato e 3IRCCS Ospedale San Raffaele: G. Pelissero2,3 - F.Ramondetti2 – S.Sancini3 – L. Carpinelli2 - A. Cerri2 - S.Chiarella2 - M.Jovenitti2 - S. Mazzitelli3 – R. Mazzucconi3 – N. Rossetti2 - MT. Cuppone2

Basic Instruments for the Integration of Young Rumanians in Italy

Articole
Prof. Antonio PANICO PhD, Prof. George TESELEANU PhD

Situaţia actuală şi de perspectivă a exploatării materialelor de construcţii, în judeţul Constanţa

Carti
Arad Victor, Iliaş Nicolae, Radu Sorin Mihai, Arad Susana, Teşeleanu George
Arad Victor, Iliaş Nicolae, Radu Sorin Mihai, Arad Susana, Teşeleanu George,
Rezumat: în epoca actuala modernizarea infrastructurii căilor de transport este vitală pentru dezvoltarea României. Construcţia şi întreţinerea structurilor rutiere implică utilizarea unor importante cantităţi de materiale, dintre care rocile naturale ocupă ponderea cea mai mare. Pe de o parte calitatea rocilor, ca şi a celorlalte materiale rutiere, este determinantă pentru a asigura calitatea tehnologiilor utilizate în sectorul căilor de comunicaţii terestre. Diversitatea rocilor şi numărul mare al 14:30 unităţilor producătoare oferă posibilitatea de a influenţa semnificativ calitatea căilor rutiere. în aceste condiţii, determinarea riguroasă a calităţii rocilor utilizate în sectorul rutier este strict necesară. Determinările specifice care trebuie efectuate asupra rocilor şi periodicitatea repetării lor în cazul verificărilor periodice şi de lot sunt menţionate prin standardele în vigoare care precizează şi valorile limită ale caracteristicilor geomecanice pentru fiecare domeniu de utilizare. în lucrare s-au
realizat o serie de determinări geomecanice pentru roci din judeţul Constanţa. Aceste determinări au fost realizate in Laboratorul de Analize şi încercări în Construcţii al Universităţii din Petroşani pe baza unor contracte de cercetare. Valorile caracteristicilor geomecanice ale rocilor analizate au fost comparate cu valorile limită impuse de standardele în vigoare.
Cuvinte cheie: agregate concasate, geomecanica, condiţii de admisibilitate, infrastructura cai de comunicaţie.

Posibilităţi de înmagazinare a gazelor naturale în cavităţi rezultate în urma exploatării zăcămintelor de sare din platforma marină

Carti
Arad Victor, Arad Susana, lliaş Nicolae, Teşeleanu George
Rezumat: Lucrarea îşi propune să ofere o soluţie tehnică de valorificare complexă şi completă a informaţiilor geologice acumulate şi de exploatare a potenţialului mediului marin. Proiectarea unui depozit strategic de înmagazinare a gazului natural în structura VADU vine în întâmpinarea unui astfel de interes legitim, putându-se face cu costuri relativ scăzute şi fără un impact major asupra mediului. Proiectarea s-a bazat pe informaţiile geologice existente si interpretarea diagrafiilor geofizice după care s-a procedat la a interpretare detaliata a zonei de interes si cu ajutorul studiilor geomecanice asupra rocilor. Verificarea stabilitatii unei astfel de structure s-a realizat prin utilizarea metodelor numerice existente prin software de specialitate, Examine 2D.
Cuvinte cheie: gaze naturale, depozit subteran, geomecanic, stabilitate excavaţiilor, platforma Vadu.